Ognuno di noi, nel proprio percorso quotidiano, si è trovato molte volte a desiderare dei cambiamenti, nelle situazioni di vita più faticose, in certe relazioni difficili , nei confronti di qualche aspetto caratteriale o comportamentale e rispetto a certe fastidiose abitudini acquisite…

La maggior parte delle volte, tuttavia, questi impulsi benefici, “sfrecciano” nella nostra mente senza lasciare tracce sostanziali , al di là di quelle affermazioni (che il più delle volte si limitano a rimanere delle intenzioni) del tipo : “ da lunedì mi metto a dieta…” “a settembre vado in palestra..” “non appena le cose vanno meglio…cambio quella situazione” e via dicendo…

Chissà come mai, per quanto desideriamo il cambiamento e per quanto i segnali che incontriamo lungo il nostro cammino spesso ce lo indichino come una tappa obbligata, fatichiamo così tanto ad accoglierlo e gli resistiamo con tanta tenacia?Forse la causa di questa contraddizione è da ricercarsi nei nostri condizionamenti mentali ed emozionali, che spesse volte ci propongono modelli illusori di insicurezza , di giudizio , di auto giudizio e di vittimismo…

A volte siamo cristallizzati su posizioni di rigidità, di paura e di abitudine ed abbiamo costruito e mantenuto in essere un ideale insidioso e livellante di “normalità” e “tranquillità”….

Spesso abbiamo perso la fiducia e la fede, condizionati da una cultura meccanica e razionale che ci insegna a sviluppare sempre di più il controllo ansioso e lo scoraggiamento, proponendoci uno stile di vita che non lascia più posto ai sogni, alle speranze, all’immaginazione e al….gioco!

E così capita che sovente, non sappiamo più nemmeno distinguere le cose che realmente vogliamo da quelle che “ci sembra” di volere, magari perché siamo condizionati dagli altri, dall’opinione pubblica, dalla famiglia o dal senso del dovere…..

Forse sono un po’ tutte queste cose messe insieme…che ci disorientano e ci spingono a salire su giostre noiose e rassegnate e che pian piano possono spegnere e inaridire il nostro potere, la nostra libertà, la nostra gioia e la nostra energia….

Se non facciamo un poco di chiarezza, rischiamo di sviluppare modelli mentali ed emozionali pericolosi e fuorvianti!

Potremo ad esempio crearci l’idea che la mancanza di azione corrisponda ad un fallimento, ed aumentare così l’insicurezza e la paura di non essere all’altezza!

La mancanza di azione , invece, lascia perfettamente inalterato il nostro potere…

Se io non faccio una cosa, non significa che non sia in grado di farla!

Questa realtà la possiamo sperimentare facilmente nella nostra vita quotidiana, che si tratti di lavare i piatti, andare a pagare una bolletta o riordinare una stanza….

Abbiamo tutti un grandissimo bisogno di riacquistare una reale coscienza del nostro potere.

Se non abbiamo ancora cambiato una situazione, se non siamo ancora dimagriti, se non abbiamo ancora guarito una ferita o risanato una relazione non significa che non ne siamo capaci!

Certamente può significare che in noi coesistono degli aspetti molteplici e contraddittori o che l’immagine che ci siamo fatti di noi stessi ( e l’illusione di un “Io” tutto d’un pezzo e coerente ) ha bisogno di essere ristrutturata o ridimensionata, ma questo è un altro discorso!

Ognuno ha certamente i suoi tempi, ma la libertà di scegliere consapevolmente cosa cambiare o migliorare rimane perfettamente inalterata fintanto che siamo vivi….

Per iniziare a fare chiarezza occorre innanzitutto “decidere”, prima ancora di agire….

Per prima cosa ci conviene lasciare andare il senso del dovere, la fretta, la rigidità, e la cultura del merito e della colpa…

Per prendere una decisione e seguirla con coerenza non sono sufficienti questi stimoli….

La “Volontà” autentica che si esprime attraverso una “libera scelta” non è dettata da moralismi, esigenze esterne o modelli prestabiliti.

Io non “devo” guarire, risolvere o affrontare questo o quello: …semmai lo “Voglio”!

Io sono libero di mantenere in essere ciò che ho creato, tollerato o accettato….così come sono libero di voltare pagina e di cambiare ciò che desidero e ciò che è in mio potere….

Se ci togliamo di dosso l’ansioso ed opprimente condizionamento del “dovere”, le cose assumono un'altra prospettiva…..

In questi termini, tutto quello che potremmo cambiare, risolvere, migliorare o guarire…..diventa del meraviglioso e prezioso “materiale” sul quale orientare le nostre energie per il prossimo futuro….un “materiale” che ci può tenere desti e motivati, vivi ed entusiasti….desiderosi di cavalcare l’onda della nostra evoluzione piuttosto che adagiarci mollemente sulla giostra dell’abitudine!!!

Certamente dare una forma a questa “trasformazione” è impegnativo….

E’ un processo che richiede attenzione e disciplina, impegno e fiducia, allenamento e pazienza…..

Però non abbiamo nulla da perdere!!!

Non lo facciamo per “dovere” o perché ce lo “ordina il Medico”….

Lo facciamo perché vogliamo esprimere il nostro potere, la nostra libertà e le nostre energie…

Lo facciamo perché vogliamo essere un poco più felici….

In questi termini, diventa ancora più importante ed urgente imparare ad orientare le nostre energie!

Consapevoli delle nostre contraddizioni, della forza delle pulsioni inconsce e dei condizionamenti che abitano dentro di noi, sceglieremo di tenere desta la nostra attenzione, sano il nostro corpo, serena la nostra mente, vivo il nostro spirito e di lasciar fluire le nostre emozioni….

Selezioneremo ed useremo degli strumenti che ci aiutino in questo percorso, dedicando del tempo e della “qualità” a noi stessi ed alle nostre esigenze “sottili”….

Ci faremo aiutare dai libri, dalle musiche, dai terapisti e da tutte quelle attività che possono facilitare il nostro cammino ….ma soprattutto , ci ricorderemo di non essere soli nel nostro percorso, ma accompagnati, sostenuti e guidati da un Universo che ci ama e che “cospira” incessantemente per la nostra felicità……